Tutti gli articoli di incircolarte

Luoghi atemporali

Federico Buzzi dipinge con intensità e guardando con afflato alla pittura figurativa del passato novecento italiano. Ammaliato dalle atmosfere sospese di Mario Sironi, da quelle metafisiche di Giorgio De Chirico e da quelle surreali di Carlo Carrà.

Federico_BuzziCresciuto di fronte a una collezione di dipinti del primo Rinascimento e degli anni ’20, è senza dubbio rimasto piacevolmente segnato consequenzialmente incuriosito; attratto emotivamente, da quella figurazione che reputa come l’ultima reale tradizione pittorica italiana: Il Gruppo “Novecento”.

I suoi lavori, mai esposti sino ad ora, sono presenti in collezioni private, conosciuti nei circoli intellettuali, tra amici e conoscenti. E’ con Galleria STATUTO13 che si presenta l’effettiva possibilità, coadiuvata da una volontà dell’artista stesso, di esporli pubblicamente appannaggio del fruitore.

Come si evince nella citazione dell’incipit i luoghi rappresentati nei suoi dipinti sono spesso legati all’attualità di una società malinconica, dove talvolta la solitudine emerge con connotazioni di timore, altre invece con velate introspezioni surreali, atemporali.

Le copie dal vero inserite tra contesti urbani e metafisici ci ricordano i corpi dei manichini di De Chirico o le statue greche ed evidenziano quello sguardo volto a stilemi del passato, convincendoci che sia necessario un ritorno a tali ambientazioni, trovandoci in una società contemporanea dove valori e principi morali sono ormai troppo spesso desueti e dimenticati.

Secondo Federico Buzzi difatti l’Arte tradizionale occidentale non è legata a un progresso lineare nel tempo e tanto meno a un fine. Ci troviamo di fronte a cicli, corsi e ricorsi storici dove epigoni e anacronismo fanno da catalizzatori artistici. Un ritorno al passato dunque è auspicabile e quantomeno desiderabile.

“Luoghi atemporali”

Mostra personale di pittura di:

Federico Buzzi

A cura di Massimiliano Bisazza

-Opening: 6 dicembre 2017 dalle h 18,30 alle h 21,00
In mostra fino al 19 dicembre 2017 mattino

Presso: Galleria d’Arte Contemporanea Statuto13
Via Statuto, 13 (corte int.) – 20121 Milano

Apertura al pubblico: dalle h 11 alle h 19 dal martedì al sabato

Per informazioni:

Cell. +39 347 2265227 (mart-sab h11/19)
info@statuto13.it
http://www.statuto13.it
http://www.facebook.com/statuto13

Annunci

The Originals

La G. Art Agency Llc. in collaborazione con Rossocinabro, presenta a Roma, dopo l’esposizione di New York ‘The Originals’, una selezione di opere provenienti da Europa, Stati Uniti, Canada, Norvegia, Israele, Turchia, Giappone e Australia dal 13 al 31 dicembre 2017. Tutti i lavori sono pezzi unici.

158_the_originalsL’evento dà una grande opportunità per investire in arte internazionale, ed è una vetrina per gli artisti ben consolidati e per i giovani talenti. I visitatori possono aspettarsi una varietà di dipinti, arte fotografica, arte urbana e sculture in diversi stili. La mostra è curata da Cristina Madini e Joe Hansen.

The New York based G. Art Agency, Llc. with Rossocinabro presents in a itinerary show ‘The Originals | December 13 -31, selectes works of artists from Europe, USA, Canada, Norway, Israel, Turkey, Japan and Australia.

The event gives a great opportunity to invest into international art, and is a showcase of the well-established artist as well as young talent. Visitors can expect a variety of paintings, photography art, urban art and sculptures in different styles. The exhibition is curated by Cristina Madini and Joe Hansen.

Artists: Valentina Achim, Dina Babay, Helga Borbás, Elda Calabrese, Laura Casini, Celina, Maria Emilov, Giovanna Fabretti, Francesca Guetta, Mikio Hasui, Lynn Jaanz, Osamu Jinguji, Agnieszka Konopka, Lady Yupiigold, Sybille Lampe, Lisa J Levasseur, Giacoma Lo Coco, Stjepko Mamic, Britt Merrylees, Vincenzo Messina, Elvio Miressi, Beatriz Moya, Päivyt Niemeläinen, Mirja Birgitta Nuutinen, Anja Stella Ólafsdóttir, Daniela Rebecchi, Elke Reis, Miriam Seville, Christina Steinwendtner, Gitana Vaicyte, Natasa Vladisavljevic, Boyan Yanev, Yalim Yildirim, Ziba Moasser

Sul sito ci sono pagine di approfondimento per ogni singolo artista

a cura di Joe Hansen e Cristina Madini
La mostra è aperta al pubblico 13 al 31 dicembre con orario 11:00-19:00

RossoCinabro
Via Raffaele Cadorna 28
00187 Roma Italia
info 06 60658125
Visitabile da lunedì a venerdì 11-19

http://www.rossocinabro.com/exhibitions/exhibitions_2017/158_the_originals_roma.htm

L’Arte non vera non può essere Arte

L_Arte non vera non può essere ArteDalle ore 09.30 di martedì 28 novembre 2017, a Firenze, presso il Teatro del Rondò di Bacco di Palazzo Pitti, si terrà un convegno promosso dal Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale nell’ambito del piano strategico 2017/2018 del Consiglio Nazionale Anticontraffazione sul tema «L’Arte non vera non può essere Arte».

Interverranno il Dottore Eike Schmidt, Direttore delle Gallerie degli Uffizi, il Dottore Pietro Suchan, Procuratore Capo della Repubblica presso il Tribunale di Lucca il Dottore Andrea Pessina, Soprintendente Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Firenze e le province di Pistoia e Prato, il Dottore Marco Ciatti, Soprintendente dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze, Istituto autonomo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, la Dottoressa Elisa Marianini, Storica dell’arte, pittrice, restauratrice, critica d’arte, il Dottore Pasquino Pallecchi, geologo, funzionario presso il laboratorio di analisi della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Firenze e le province di Pistoia e Prato, il Maggiore Lanfranco Disibio, Comandante del Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Firenze.

Moderatore sarà il Tenente Colonnello Valerio Marra, Comandante del Gruppo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Roma .

Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale
Nucleo di Firenze
Via Romana 37/A – 50125 Firenze
tel. +39.055.295330-45
email tpcfinu@carabinieri.it
PEC sfi37095@pec.carabinieri.it

Johannes Wald

RITAURSO Artopiagallery è lieta di presentare la prima mostra personale in Italia di Johannes Wald (Sindelfingen, Germany, 1980).

Johannes WaldL’agire artistico di Johannes Wald appartiene all’ambito della scultura situandosi nell’attimo che precede il dare forma, in uno stato quasi perenne di “divenire”. Non è, infatti, possibile definirlo scultore se non nel senso del termine tedesco “bildhauer” ovvero “colui che dà forma alle immagini”. I suoi lavori non sono mai conclusi ma vivono nella variazione e nella continua riproposizione dell’interrogativo sull’indissolubilità di forma, materia e contenuto. Johannes Wald utilizza la scultura come linguaggio per rivelare –attraverso i suoi vuoti, mancanze e nascondimenti – il processo e la trasmissione delle condizioni di esistenza degli oggetti, all’interno di una genealogia dei canoni estetici e di una memoria collettiva che li identifica.

L’idea di una forma inerente alla materia, anche se non direttamente codificabile visivamente, è al centro della mostra pensata dall’artista per questa occasione. Optando per un struttura aperta di significati, in questo caso presentando quattro diverse variazioni sul tema, Johannes Wald modella la materia attribuendole alcuni caratteri effimeri dell’essere vivente come il respiro, il calore, il movimento e la parola. La forma non si manifesta quindi come canone descrittivo dell’immagine ma come presenza organica della materia, spostando l’attenzione dall’oggetto in potenza alla sostanza. Il processo scultoreo si rovescia, sovverte la regola della trasformazione, modellando la materia all’inverso, come nel caso dei marmi di Carrara che seguono il ritmo del respiro umano o trasmettono il calore corporeo dell’essere vivente.

Frammenti alla Galleria Bonioni Arte di Reggio Emilia

Gianni Bertini, La motorizzata, 1975, mec art su tela, cm. 116x81La Galleria Bonioni Arte di Reggio Emilia (Corso Garibaldi, 43) presenta, dal 24 novembre 2017 al 31 gennaio 2018, “Frammenti”, esposizione collettiva con opere realizzate da venti artisti attivi dagli anni ’50 ai giorni nostri.

La mostra trae il titolo – “Frammenti” – da una tela di Franco Angeli riferibile ai primi anni ‘70. Un percorso che, attraverso opere selezionate, intende ripercorre la storia dell’arte italiana a partire dal secondo Dopoguerra, riservando particolare attenzione anche alle nuove generazioni e alla ricerca artistica contemporanea.

Gli anni ’50 e ’60 sono rappresentati in mostra da un lavoro polimaterico di Roberto Crippa legato al Movimento Nucleare, da una carta intelata di Tancredi, da un “Diario” di Arturo Vermi, da una tela e da un sicofoil di Carla Accardi e da un’incisione all’acquatinta di Lucio Fontana, oltre ad un olio geometrico di Luigi Veronesi riferibile alla seconda metà del decennio precedente.

Franco Angeli, Frammenti, inizio anni '70, smalto su tela, cm. 100x100Sono ascrivibili agli anni ’70 e ’80, oltre all’opera di Franco Angeli che dà il titolo alla mostra, anche un dipinto di Paolo Cotani denominato “Dagli occhi della tigre” e una scultura sferica di Arnaldo Pomodoro. La sezione è inoltre completata da due lavori di Paolo Minoli, artista cui la Galleria ha recentemente dedicato un’ampia retrospettiva.

Si riferiscono agli anni ’90 e Duemila ancora un dittico di Paolo Minoli (“Per il poeta”, 1996), un dipinto a tecnica mista su carta di Alighiero Boetti, un rilievo su pvc di Alberto Biasi e una spiaggia in poliuretano espanso di Piero Gilardi.

La scultura contemporanea è indagata, per finire, da Eduard Habicher, Rudy Pulcinelli, Luca Freschi, Renata e Cristina Cosi; la pittura da Mirko Baricchi e Simone Pellegrini.

Paolo Cotani, Dagli occhi della tigre, 1985-87, tecnica mista su tela, cm. 120x120Curata da Federico Bonioni, la collettiva sarà inaugurata venerdì 24 novembre, dalle 10.00 alle 20.00, in occasione della festa patronale di San Prospero. L’esposizione sarà visitabile fino al 31 gennaio 2018, da martedì a domenica ore 10.00-13.00 e 16.00-20.00; 16 e 17 dicembre ore 10.00-20.00. Ingresso libero. Per informazioni: tel. 0522 435765, www.bonioniarte.it, info@bonioniarte.it, www.facebook.com/bonioniarte, www.instagram.com/bonioniarte.

“Frammenti” è parte della quarta edizione di “In Contemporanea”, rassegna che nel 2017 è diventata rete di gallerie, con un maggior numero di proposte distribuite nel corso dell’anno. Tra i primi appuntamenti, “In Contemporanea a Palazzo Magnani”, una serie di incontri dedicati ai mestieri dell’arte. Federico Bonioni sarà ospite a Palazzo Magnani, insieme allo staff di Vicolo Folletto Art Factories, venerdì 1 dicembre, alle ore 18.30, con l’intervento “La Galleria fuori dalla Galleria. Mostre pubbliche e progetti curatoriali”. Sempre nell’ambito di “In Contemporanea”, il 16 e il 17 dicembre 2017 si terrà “In Contemporanea fiera diffusa”, weekend all’insegna dell’arte con apertura delle gallerie aderenti ad orario continuato, dalle 10.00 alle 20.00.

FRAMMENTI

Venti artisti dagli anni ’50 ai giorni nostri

Carla Accardi, Franco Angeli, Mirko Baricchi, Alberto Biasi, Alighiero Boetti, Bonzanos Art Group, Renata e Cristina Cosi, Paolo Cotani, Roberto Crippa, Agenore Fabbri, Luca Freschi, Piero Gilardi, Eduard Habicher, Paolo Minoli, Simone Pellegrini, Arnaldo Pomodoro, Rudy Pulcinelli, Tancredi, Arturo Vermi, Luigi Veronesi

A cura di Federico Bonioni

24 novembre 2017 – 31 gennaio 2018

Inaugurazione: venerdì 24 novembre, ore 10.00-20.00

Orari di apertura: da martedì a domenica ore 10.00-13.00 e 16.00-20.00; 16 e 17 dicembre ore 10.00-20.00

Roberto Crippa, Senza titolo, anni 50, polimaterico su tavola, cm. 47,5x67,5

Per informazioni:

Galleria Bonioni Arte

Corso Garibaldi, 43

42121 Reggio Emilia

Tel/Fax 0522 435765

www.bonioniarte.it

info@bonioniarte.it

www.facebook.com/bonioniarte

www.instagram.com/bonioniarte

Ufficio Stampa:

CSArt Comunicazione per l’Arte

Via Emilia Santo Stefano, 54

42121 Reggio Emilia

Tel/Fax 0522 1715142

www.csart.it

info@csart.it

Salone Internazionale del Restauro, dei Musei e delle Imprese Culturali

Ferrara FiereDal 21 al 23 marzo 2018 torna, nella storica sede di Ferrara, il Salone Internazionale del Restauro, dei Musei e delle Imprese Culturali, giunto alla sua XXV edizione con il patrocinio del MiBACT – Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.

 Tre giornate che celebreranno il traguardo di questo importante venticinquesimo capitolo, presentando un programma imperdibile di esposizioniconvegnieventi e mostre, nell’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto ogni aspetto.

Una delle novità più importanti è l’ottenimento della certificazione internazionale ISF Cert – Istituto di certificazione di dati Statistici Fieristici, che conferma e celebra il ruolo centrale e strategico del Salone nel panorama fieristico mondiale.

Il Salone guarda alle nuove logiche di mercato, alle opportunità e alle necessità di cambiamento del Paese, nella convinzione che il patrimonio storico-artistico e ambientale ne siano la principale risorsa. Una risorsa che deve trovare luoghi, opportunità, professionalità in sinergia tra loro e in grado di valorizzarli e trasformarli in un importante volano dell’economia nazionale. Questo il Salone vuole rappresentare ogni anno, un irrinunciabile spazio per dare risalto alle imprese culturali.

Partnership e presenze istituzionali

Grazie all’attiva partecipazione di importanti aziende ed istituzioni, saranno presentate e affrontate le tematiche più attuali e urgenti, le tecnologie, le innovazioni e i risultati, informando sui più importanti interventi di restauro e riqualificazione dei beni culturali e ambientali.

 Anche questa edizione conferma il format realizzato insieme al MiBACT – Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, partner storico della manifestazione, il quale ha individuato nel Salone la cornice perfetta per rappresentare il Sistema Museale Italiano in tutta la sua interezza e complessità.

In particolare saranno presenti i 30 più importanti musei italiani, gli Istituti dotati di autonomia speciale e i Poli Museali regionali.

 Nell’ottica di aprire l’orizzonte a settori emergenti nel panorama museale italiano, troveranno spazio aziende in dialogo diretto con le realtà museali pubbliche e private, provenienti da settori quali illuminotecnica, climatologia, trasporto di opere d’arte, software e altre tecnologie,  accoglienza, guardiania, ristorazione, bookshop e merchandising, che si affiancheranno ai consueti espositori.

 Una importante new entry è la partecipazione di Federculture che rappresenta le più importanti aziende e istituzioni del Paese operanti nel campo delle politiche e delle attività culturali, molte delle quali vere e proprie eccellenze anche a livello europeo, nella gestione dei servizi legati alla cultura e al turismo culturale.

Grazie alla collaborazione tra ASTER (Rete Alta Tecnologia dell’Emilia Romagna), da sempre promotrice della ricerca industriale come motore principale di sviluppo economico sostenibile e laboratorio di innovazione a livello nazionale e internazionale e DIAPReM – Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Ferrara, diretto dal Prof. Marcello Balzani, verrà proposto uno spazio dedicato alle industrie creative per sviluppare relazioni B2B, mettendo in dialogo addetti ai lavori, aziende e pubblico e ponendo l’attenzione sul potenziamento delle strategie e azioni congiunte tra ricerca e impresa.

La XXV edizione vedrà anche la nascita di un’area dedicata alle automobili e moto d’epoca, con la presenza dei più importanti musei e restauratori di fama internazionale.

Maggiore rilevanza avrà la presenza dell’Associazione Siti UNESCO che porterà un fondamentale contributo attraverso i propri siti di importanza mondiale.

Seminari e progetti

Il TekneHub, Tecnopolo dell’Università degli Studi di Ferrara, Rete Alta Tecnologia dell’Emilia Romagna, presenterà due laboratori riguardanti l’applicazione delle alte tecnologie nel settore edile, con particolare attenzione al valore storico, artistico e architettonico.

Il primo concerne la conclusione del progetto “Mu.S.A.” (Multi Sensor Assessment – Piattaforma collaborativa per l’integrazione di sensori multi spettro nell’edilizia specialistica a carattere monumentale), proponendo di organizzare un seminario tecnico per la comunicazione dei risultati offerti dalla ricerca, illustrando il funzionamento grazie alla predisposizione di un prototipo dimostratore.

Il secondo convegno, invece, si occuperà di indagare la neutralizzazione dell’umidità da risalita capillare, illustrando relazioni dei membri del Comitato Scientifico, comunicazioni di casi studio ed esempi di applicazioni in contesti differenti.

 In merito alla riqualificazione dell’area adiacente la tomba di Dante Alighieri a Ravenna, sarà presentato il relativo progetto a cura del Prof. Giampiero Cuppini, che vuole soddisfare l’esigenza di rendere l’area più fruibile al pubblico, attuando l’inserimento nel tessuto urbano di zone di verde.

 Anche in questa edizione i workshop e i corsi di formazione professionale tenuti sono a rilascio di crediti formativi permanenti, altamente qualificati, per le categorie di Architetti, Geometri, Ingegneri e tutti coloro che operano nel campo della conservazione e valorizzazione dei beni culturali e ambientali.

Collaborazioni internazionali

 È confermata la prestigiosa e consolidata partecipazione del Museo dell’Hermitage di San Pietroburgo, che presenterà i suoi meravigliosi progetti, oltre a offrire una serie di imperdibili workshop.

 E’ in corso di definizione la partnership con il Governo di Mosca, maturata lo scorso anno.

Ma non solo. Per questa edizione, infatti, il DIAPReM di Ferrara, che da tempo intrattiene esperienze di collaborazione e scambio con centri universitari esteri per la sua eccellenza e know-how nella scansione 3D di grandi immobili, ha avviato un progetto assolutamente unico nel suo genere con l’Università di São Paulo in Brasile per il restauro di due edifici di rilievo della città brasiliana: il Museu Paulista, comunemente conosciuto come “Museu do Ipiranga”, e la Casa de Vidro di Lina Bo Bardi, entrambi scansionati secondo queste tecniche 3D di ultima generazione progettate dalla stessa Università.

Saranno due operazioni culturali di enorme impatto: il museo, infatti, è il più visitato in Brasile perché celebra l’indipendenza brasiliana, mentre la Casa de Vidro, emblematico riferimento della modernità latinoamericana, è una casa museo dove si respira una cultura particolare di antico e moderno, sacro e profano.

Durante le giornate del Salone verrà lanciato il bando del restauro del Museu do Ipiranga e presentato il progetto riguardante la Casa de Vidro, finanziato dalla Getty Foundation.

Premi

La sezione dedicata ai premi si avvarrà anche quest’anno del PREMIO DOMUS RESTAURO E CONSERVAZIONE – Premio Internazionale di Restauro Architettonico, ideato e promosso nel 2010 da Fassa s.r.l., dal Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Ferrara e dal Salone, con l’intento di valorizzare progetti realizzati in ambito italiano e internazionale. In questi anni, la notevolissima adesione al Premio ha confermato la crescita costante degli interventi di restauro anche in contesti stranieri ed extraeuropei, dimostrando la necessità di un dialogo e un confronto internazionale su tematiche che hanno accezioni differenti, ma problematiche simili.

La XXV edizione vedrà inoltre la nascita di un nuovo premio dedicato alla divulgazione culturale, progetto in corso di definizione i cui dettagli saranno svelati con l’anno nuovo.

Eventi collaterali promossi da Ferrara Aperta per Restauro

 Visita con aperitivo a Palazzo Gulinelli

Palazzo Gulinelli, di proprietà della Fondazione “Opera Don Cipriano Canonici Mattei”, è stato ricostruito, in seguito agli eventi sismici che lo hanno danneggiato nel 2012.

La ricostruzione sposa le tecniche ad oggi più innovative, un restauro ecosostenibile con certificazione LEED (Leadership in Energy and Environmental Design) – GBC (Green Building Council) Italia, protocollo HB (Historic Building) e il palazzo sarà il primo complesso scolastico con foresteria e uffici ad essere certificato sul territorio nazionale.

Durante il Salone il progetto sarà raccontato attraverso uno spazio espositivo. Verrà inoltre organizzato un incontro all’interno del Palazzo per presentare il restauro, la certificazione GBCI e tutti i partecipanti al Salone saranno invitati.

La data ipotizzata è Giovedì 22 Marzo 2018 e sarà un’occasione imperdibile per ammirare l’originalità e la varietà culturale e decorativa degli ambienti del Palazzo.

Inaugurazione della mostra di Biagio Rossetti

 Le opere di Biagio Rossetti, architetto di straordinaria rilevanza negli anni del Rinascimento estense, hanno avuto una risonanza su scala internazionale e hanno portato al riconoscimento di Ferrara come “Città del Rinascimento Patrimonio dell’Umanità UNESCO”.

Le giornate del Salone saranno l’occasione perfetta per inaugurare la mostra a lui dedicata.

Le novità e le opportunità in questa venticinquesima edizione sono molte e imperdibili, sempre con l’intento di valorizzare continuativamente il settore culturale, cuore pulsante del nostro Paese, in grado, non solo di rilanciare le basi dell’economia italiana, ma di ridisegnare il nostro futuro.

I numeri dell’edizione 2017

√ 290 Espositori

√ 26.000 visitatori

√ 130 Convegni e Seminari

√ 8 Eventi e Mostre

INFORMAZIONI UTILI:

– 21-23 marzo 2018, dalle 9.30 alle 18

– Ingresso con registrazione obbligatoria

– Quartiere Fieristico di Ferrara (Via della Fiera, 11)

http://www.ferrarafiere.it

Sarà previsto un servizio di navetta gratuito dalla stazione alla fiera.

Il programma completo della manifestazione e l’elenco espositori saranno disponibili sul sito http://www.salonedelrestauro.com a partire dal mese di febbraio.

Segreteria Organizzativa

ACROPOLI SRL

Capo Progetto

Carlo Amadori direzione@acropoli.com

Responsabile di Segreteria

Omar Marcacci omar.marcacci@salonedelrestauro.com

Ufficio Commerciale

Alessandra Filippini alessandra.filippini@salonedelrestauro.com

Segreteria

Francesca Bonsanto segreteria@salonedelrestauro.com

Ufficio Tecnico

Responsabile: Arch. Rossana Amadori rossana.amadori@salonedelrestauro.com

Arch. Ilaria Ierardi ilaria.ierardi@salonedelrestauro.com

Arch. Annalisa Giorgetti annalisa.giorgetti@salonedelrestauro.com

Catalogo

Alessandra Schiavi alessandra.schiavi@salonedelrestauro.com

Amministrazione

Deborah Amadori deborah.amadori@salonedelrestauro.com

Tel. +39 051 6646832 – 864310 – 8659338

Fax +39 051 860965

info@salonedelrestauro.com

http://www.salonedelrestauro.com

facebook:Salone del Restauro

twitter: salonerestauro

youtube: FieraRestauro

instagram:restauromusei

Ufficio Stampa

CULTURALIA di Norma Waltmann

culturaliart.com

 

incircolarte_footer_1_rid

Splendori in bottega

C.K.I Italia presenta, in collaborazione con il Comune di Nova Milanese, l’Associazione Culturale Impronte e il patrocinio della Provincia Monza Brianza e dell’Associazione DcomeDesign, Splendori in bottega. Gli smalti dello Studio del Campo 1957-1997, mostra dedicata alla bottega di smaltatori Studio del Campo, attiva a Torino: un gruppo di quattro artisti-artigiani – Virgilio Bari e Lidia Lanfranconi, Euclide Chiambretti e Bianca Tuninetto – uniti nel lavoro e nella vita, che hanno saputo confrontarsi con le esperienze artistiche a loro contemporanee e allo stesso tempo con il disegno industriale che si stava affermando nella metà degli anni ’50, raggiungendo esiti originali e unici nel panorama italiano del secondo Novecento.

CKIA 20 anni dalla chiusura di Studio del Campo, gli artisti smaltatori del Creativ-Kreis International (CKI Italia) – che per l’occasione presenteranno le loro opere con anche una sezione didattica – e Villa Vertua Masolo, sede della Collezione Permanente Arti del Fuoco, vogliono rendere omaggio ad una storia fatta di amore e dedizione ad un’arte – quella dello smalto – che consente una infinita libertà espressiva e che i Del Campo riuscirono a esplorare usando tutte le tecniche e le illimitate possibilità cromatiche, coniugandole ad un vocabolario stilistico molto ampio, aperta tanto all’antichità medievale che all’astrattismo contemporaneo.

In mostra più di 150 opere documentano gran parte della loro produzione che spazia da oggetti per l’arredamento di interni ad opere di arte sacra, a sculture e manufatti decorativi.

Gli accessori e i complementi d’arredo vanno da piatti, ciotole e vasi, oggetti d’uso, senza dimenticare la serie di oggetti bicromi realizzati su disegno di Gio Ponti nel 1957. In questo ambito Studio del Campo, e nelle opere più strettamente decorative, usa uno stile definito e compiuto, caratterizzato da una linea capace di valorizzare il disegno e la consistenza luminosa, attraverso le finissime linee graffite che rivestono di chiaroscuri le superfici, e gli smalti monocromi che ne fanno esplodere la brillantezza e il risalto nello spazio.

Con il sostegno di Le opere sacre e le sculture invece sono caratterizzate dalla rappresentazione di un’umanità che lotta per la sopravvivenza quotidiana, visibile anche nelle proposte più astratte: in una prima fase viene usata la giustapposizione di piani per la costruzione di scene complesse, dinamiche e plastiche, per poi passare, tra la fine degli ani ’70 e i primi ani ’80 a effetti che guardano più al dinamismo di matrice futurista, virando più verso l’astrazione con una riduzione delle superfici smaltate a favore dell’utilizzo dell’acciaio.

Studio del Campo rappresenta anche la storia condivisa di un’amicizia e di una passione che portò i quattro torinesi a conoscersi nei primi anni ‘50 presso la “Comunità Artistica Torino” di Idro Colombi, da cui poi si distaccarono nel 1955 per fondare la propria bottega. La Triennale di Milano li tenne a battesimo nel 1957 e da quel momento fino al 1997 numerosi furono gli architetti, i designer, gli artisti, i critici e le gallerie d’arte con cui la bottega entrò in relazione: Gio Ponti, Toni Cordero, Romano Rui, Nanni Valentini, Bruno Munari, Filippo Scroppo, solo per citarne alcuni e molte le gallerie in cui esposero tra cui Martina, Il Sestante, Bosisio Arte. Parteciparono a tre edizioni della Triennale di Milano, a tutte le più grandi fiere campionarie e di arredamento italiane ed europee; esposero in Giappone e negli Stati Uniti (si ricorda collaborazione trentennale con la galleria Hudson & Rissman di Los Angeles); ricevettero anche grandi committenze pubbliche, tra cui l’incarico della decorazione delle cabine di prima classe degli ultimi transatlantici italiani, le turbonavi Michelangelo e Raffaello, nel 1963. Virgilio Bari e Lidia Lanfranconi, Euclide Chiambretti e Bianca Tuninetto furono figure totalmente all’avanguardia per l’epoca storica in cui iniziarono a lavorare – addirittura per i primi anni di attività ebbero un manager ante litteram, Luciano Goretti, che curò le loro public relation. Riservati per indole, scelsero di volersi sempre presentare come gruppo senza mai dare risalto alle singole individualità, e forse è stato anche questo il segreto del successo che permise loro di unire una fervida immaginazione ad una raffinata padronanza della tecnica dello smalto.

SPLENDORI IN BOTTEGA
Gli smalti dello Studio del Campo
1957-1997
a cura di Anty Pansera
11 – 26 novembre 2017
Inaugurazione 11 novembre 2017, ore 16:30
Villa Vertua Masolo
Via Garibaldi 1, Nova Milanese (MI)
Orari
giovedì/venerdì/sabato 15.30-18.30
domenica 10-12 / 15.30-18.30
Ingresso libero

Per info e visite guidate: 344.2330899
@CKIITALY / @villavertuamasolo /
@Associazione-Culturale-Impronte
http://www.cki.altervista.org

Ufficio stampa
Maria Chiara Salvanelli
Email mariachiara@salvanelli.it – cell +39 333 4580190

Mogador

Il progetto artistico “Mogador” prosegue il suo viaggio e arriva a toccare la città che ne ha ispirato la creazione: Essaouira. I lavori di Veronica Gaido – artista e fotografa – e di Vito Tongiani – pittore e scultore – dedicate al porto della città marocchina sono in mostra dal 26 ottobre al 26 novembre 2017nel centro culturale Dar Souiri a Essauoira (Marocco).

Invito Mogador, Essauoira (Marocco) - 26.10.2017I due artisti, appartenenti a diversi mondi espressivi, si confrontano attraverso la visione fotografica e pittorica delle loro opere, con l’obiettivo di raccontare l’atmosfera e la vita dello storico porto della cittadina, battezzata Mogador nel VII secolo (dall’arabo “ben custodita”). Tongiani e Gaido restituiscono le percezioni sensoriali di un luogo, rappresentando la mutevolezza dei colori, il brulichio delle persone, la presenza delle barche e la pienezza di gesti ripetuti e a volte invisibili. In questo luogo che diventa simbolo, ritroviamo il concetto di vita, di rifugio, di viaggio, ma anche il contrasto, lo sforzo quotidiano del popolo, i colori del giorno e l’oscurità della notte che convivono e si mescolano tra di loro.

Dopo la tappa di Essaouira, il viaggio di Mogador proseguirà con le esposizioni a Marrakech e Casablanca, fino ad arrivare alla Fundación Tres Culturasdi Siviglia nella primavera del 2018.

L’esposizione “Mogador” sarà inaugurata nella giornata di giovedì 26 ottobre 2017 alle ore 18.00 ad Essaouira (Marocco) da Mr. Andrè Azoulay con la partecipazione di Audrey Azoulay, Direttore Generale dell’UNESCOMohamed Laaraj, Ministro della Cultura marocchina e della Comunicazione, Driss Ksikes e Francis Ghilès.

A corredo della mostra, il catalogo con i testi di André AzoulayDriss KsikesFrancis GhilèsPhilippe Daverio e Jean Clair.

IV edizione del Premio Friends of Florence

Banner-Bando-Friend-of-FlorenceFriends of Florence e l’Associazione non profit Istur-CHT, segreteria organizzativa del Salone dell’Arte e del Restauro di Firenze, presentano laFriends of Florence e l’Associazione non profit Istur-CHT, segreteria organizzativa del Salone dell’Arte e del Restauro di Firenze, presentano la IV edizione del Premio Friends of Florence, a favore di interventi di restauro, tutela e conservazione di beni culturali nella città di Firenze promossi e curati ed eseguiti da restauratori professionisti specializzati.

Il bando è pubblicato sul sito del Salone dell’Arte e del Restauro di Firenze e i partecipanti avranno tempo fino al 16 marzo 2018 per candidare un progetto di restauro di un’opera ubicata nella città di Firenze.

Anche per questa IV edizione donwload del sito del Salone del Restauro di Firenze e inviare il materiale richiesto a mezzo posta Raccomandata a “Premio Friends of Florence – Salone dell’Arte e del Restauro di Firenze 2018” – c/o Istituto Cavour Pacinotti viale Macchiavelli n. 33 50125 Firenze, entro e non oltre il 16 marzo 2018.
L’Assegnazione del premio al vincitore avverrà in occasione del Salone del Restauro di Firenze dal 16 al 18 maggio 2018, a Villa Vittoria, Palazzo dei Congressi, in Piazza Adua, 1 a Firenze.
I progetti potranno essere presentati da restauratori e ditte di restauro con esperienze di lavoro con le Soprintendenze.

Per scaricare il bando
http://www.salonerestaurofirenze.com/restauro/2018/download/

Per informazioni su Friends of Florence
http://www.friendsofflorence.org

L’arte è morta e bisogna fecondarla di nuovo

È scandalo nel mondo dell’arte per l’ultima opera dell’artista Alessandro Giorgetti che perfora con i falli le tele. “L’arte è morta e bisogna fecondarla di nuovo” la giustificaziona dell’artista.

THE-HOLEPer Giorgetti l’arte è morta per l’assenza di genialità e creatività, visto che tutto è ormai una ripetizione di ciò che già esiste .

Falli che spuntano dentro ai buchi bruciati del suo ‘The Hole’, per ricordare al mondo come si fa a procreare, ed a generare arte vera, nuova, mai vista.

E Sgarbi, che già di nudo maschile aveva vestito la sua combattuta critica, non poteva non appoggiare e dare supporto alla performance di un Giorgetti esasperato, che vuole a tutti i costi fecondare quell’arte morta , di genialità e di molto altro, con un atto estremo, e cioè con l’uso del fallo nel suo compito più naturale, ovvero quello della fecondazione.

Una battaglia condivisa idealmente dal noto critico visto che nel suo spettacolo a Milano agli inizi di ottobre ha pronunciato la frase “ l’arte sta morendo, fecondiamola”.

Un’affermazione che i più attenti hanno notato quanto sia riconducibile all’artista Alessandro Giorgetti visto che caratterizza il suo nuovo progetto, ‘ The Hole’ .

Una coincidenza particolare, che parla di giorni funesti per l’arte di oggi, e anche se non fa nomi il noto critico cita l’artista Alessandro Giorgetti, accortosi anche lui dello stato moribondo dell’arte di oggi e che per questo ha bisogno di un segnale forte per risvegliare le coscienze ed il mondo.

Tranne uno, dice tra le righe Sgarbi senza far nomi, quasi volesse assicurarsi di vedere con i propri occhi prima di credere:

C’è un solo artista in Italia, uno solo, che ha capito che l’arte sta morendo, e che sta cercando di ridarle vita, fecondandola. Ha ragione, anzi, è già morta. Fecondiamola!” , dice Sgarbi durante il suo spettacolo.

Indubbiamente due personalità vivaci quelle di Vittorio Sgarbi e Alessandro Giorgetti, con due ruoli differenti, ma che si coalizzano e la vedono nello stesso modo, avendo entrambi capito lo stato comatoso dell’arte contemporanea .

Decisamente da non sottovalutare il loro punto di vista, singolare ed allarmante.

Non c’è più tempo. L’arte contemporanea deve rinascere, ora.

Altrimenti, dopo i falli incorniciati, cosa dobbiamo aspettarci ancora?